Il manoscritto

ManoscrittoMuseo Minerario di Cadipietra, 2013

Un libro è fatto di segni che parlano di altri segni,
i quali a loro volta parlano delle cose.
Senza un occhio che lo legga,
un libro reca segni che non producono concetti,
e quindi è muto.
Umberto Eco, Il nome della rosa, 1980

I libri si rispettano usandoli, non lasciandoli stare.
Umberto Eco, Come si fa una tesi di laurea, 1977

Il libro non è un ente chiuso alla comunicazione:
è una relazione, è un asse di innumerevoli relazioni.
Jorge Luis Borges, Altre inquisizioni, 1952

Ho scritto, in verità.
Pagine, ritagliando foglie
cedute sopra orme accurate.

Ho composto, in verità.
Facciate, rifilando sembianze
cadute sotto corone tramandate.

Ho versato lacrime percorrendo a flutti
l’inchiostro di un passato intermittente.
Numeri alle pagine, macchie certe
riconoscono ogni singola misura,
ogni singola foggia di stirpe che si rispetti.
Ho sfogliato, innanzi e appresso, seguendo il fruscio.
Lo scalpiccio avanti e indietro. Ho ricordo.
Di quel volto appena il mormorio.
Frate Adagio, Luoghi e Dintorni, XX Secolo

Scrivere non è vivere.
È forse sopravvivere a sé stessi.
Ma niente è meno garantito.
Blaise Cendrars, L’Homme foudroyé, 1945

One Response to “Il manoscritto”

  1. past.in Says:

    La foto e le pertinenti citazioni letterarie confermano l’assunto che le parole scritte vanno ben al di là del tempo che vogliono rappresentare …

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: